Enigmas do Universo - Explorando os Enigmas do Universo
loading...

L'enigma del pianeta nove, il nuovo membro del sistema solare che nessuno ha mai visto

È dieci volte la dimensione della terra e, trovandosi 20 volte più lontano dal sole che Nettuno, ha bisogno di 10000 a 20000 anni per completare la sua orbita.

ImagemREUTERS destra

Immagine captiono ' pianeta nove ' è descritto come un'super terra '

Il suo nome, anche se provvisorio, è "Planet Nine", perché non è niente di meno che il nono membro del sistema solare. Il problema è che nessuno l'ha visto. L'Astro è stato descritto per la prima volta due anni fa in una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica The rivista astronomica e da allora ha diviso la comunità scientifica. Ma gli autori dello studio, Michael Brown e Konstantin Batygin, entrambi specialisti del prestigioso Istituto di tecnologia della California (Caltech), sono abituati alla polemica: sono anche parte del team di ricercatori che hanno abbassato Plutone a pianeta nano categoria.

 

Diritto ImagemGETTY immagini Michael Brown ha detto che ' incredibilmente ' nessuno è stato in grado di dimostrare che la sua ipotesi sul nono integrale del sistema solare è sbagliato anche se molti scienziati criticano la mancanza di prove definitive circa l'esistenza di Planet Nine, i ricercatori preferiscono concentrarsi sulla metà del vetro che è pieno. È solo che in tutto questo tempo, nessuna prova è emersa per confutare l'esistenza del pianeta definitivamente. "negli ultimi 170 anni, molti hanno affermato di aver scoperto nuovi pianeti e sono sempre stati sbagliati," Brown ha detto alla rivista atlantica la scorsa settimana. L'astronomo ha detto, "incredibilmente," nessuno è stato in grado di dimostrare che i loro calcoli per il nono pianeta sono sbagliate. Batygin, a sua volta, ha condiviso nel suo account Twitter l'articolo della rivista, intitolato "Planet Nine is Real?" con l'aggiunta del commento: "la risposta breve è: Sì". È che, secondo gli scienziati, è più difficile immaginare il sistema solare senza questa stella che con esso.

Indizi per il ' Sì'

Per descrivere l'esistenza di questo gigantesco pianeta ghiacciato, i ricercatori si basano principalmente su dati indiretti, come i supposti tratti gravitazionali. In particolare hanno studiato sei oggetti situati nella cosiddetta Fascia di Kuiper, una regione che si estende dall'orbita di Nettuno allo spazio interstellare. Questi corpi ghiacciati hanno orbite ellittiche che puntano nella stessa direzione, qualcosa che è così improbabile che possa essere spiegato solo dalla presenza di un corpo come Planet Nine, secondo Brown e Batygin nel loro studio originale.

L'immagine CaptionPlaneta nove sarebbe nella fascia di Kuiper, una regione che si estende dall'orbita di Nettuno allo spazio interstellare | Foto: scienza Photo Library

In ottobre, Batygin ha dato un'intervista al sito di notizie della NASA, l'Agenzia spaziale americana, in cui ha detto: "in questo momento, ci sono cinque diverse linee di studi con prove di osservazione che puntano all'esistenza del pianeta nove." Secondo l'astrofisico, "Se si decide di eliminare questa spiegazione e immaginare che il pianeta nove non esiste, si dovrebbe generare più problemi di soluzioni. Improvvisamente si avrebbe cinque diversi enigmi e si dovrebbe avere a sviluppare cinque diverse teorie per spiegare loro ". Il mese scorso, Batygin stesso ha pubblicato uno studio che avrebbe aumentato le prove difese da lui, in cui sostiene che il pianeta nove anche riuscito a cambiare la direzione dell'orbita di oggetti lontani del sistema solare.

Indizi per il ' No '

In questi due anni, gli astronomi provenienti da diverse parti del mondo hanno presentato spiegazioni alternative al nono pianeta. Secondo un progetto chiamato "Outer Solar System Origins Survey" ("ricerca sulle origini al di là del sistema solare"), ad esempio, ha scoperto più di 800 nuovi oggetti nettuniano (quelli che orbitano attorno al sole ad una distanza media superiore a quella di Nettuno ), la distribuzione di questi corpi è davvero casuale.

Immagine CaptionMichael Brown e Konstantin Batygin sono anche parte del team di ricercatori che reibaxou Pluto alla categoria di pianeta nano | Immagine: NASA

Sono anche venuti a dire che i dati su cui Brown e Batygin sono basati hanno errori causati da fattori climatici-in modo che tutti i calcoli sarebbero polarizzati. Christopher Smeenk, un filosofo della scienza presso la University of West Ontario, negli Stati Uniti, è andato oltre. "gli scienziati sono spesso bravi a sviluppare conclusioni da contrasti, Sherlock Holmes-Style", ha detto alla rivista atlantica. Il famoso detective, ha aggiunto, è stato in grado di escogitare probabilità di colpa tra un certo numero di sospetti.   Via BBC

Você também deve apreciar:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *