Enigmas do Universo - Explorando os Enigmas do Universo
loading...

Gli scienziati hanno scoperto come e quando il sole morirà, e sarà qualcosa di epico!

Come sarà il nostro sole dopo che morirà? Gli scienziati hanno fatto nuove previsioni su come la fine del nostro sistema solare sarà e quando ciò accadrà. E gli umani non saranno in giro per vedere l'atto finale. In precedenza, gli astronomi pensavano che si sarebbe trasformata in una nebulosa planetaria, una bolla luminosa di gas e polvere, fino a quando le prove suggerivano che avrebbe dovuto essere un po' più massiccia. Ora, un team internazionale di astronomi hanno cambiato idea di nuovo e ha scoperto che una nebulosa planetaria è in realtà il cadavere più probabile solare.

 Il sole è di circa 4,6 miliardi anni – misurato nell'era di altri oggetti nel sistema solare che formavano allo stesso tempo. e sulla base delle osservazioni di altre stelle, gli astronomi prevedono che raggiungerà la fine della sua vita in altri 10 miliardi anni.

Ci sono altre cose che accadranno lungo la strada, naturalmente. In circa 5 miliardi anni, deve trasformarsi in una gigante rossa. Il nucleo della stella si restringe, ma i suoi strati esterni si espandono nell'orbita di Marte, ingoiando il nostro pianeta nel processo, se è ancora lì. Una cosa è certa: in questo momento, di certo non ci ritroviamo. In realtà, l'umanità ha solo un periodo di circa un miliardo di anni per trovare una via d'uscita da quella roccia. Questo perché il sole è in aumento di luminosità a circa il 10% ogni miliardo di anni. Che non suona come molto, ma questo aumento della luminosità finirà la vita sulla terra. I nostri oceani evaporano e la superficie sarà troppo calda perché l'acqua si formi. Saremo più rovinati possibile. È quello che viene dopo la gigante rossa che si è rivelata difficile da definire. Diversi studi precedenti hanno scoperto che per formare una brillante nebulosa planetaria, la stella iniziale deve essere stata due volte più grande del sole. Ora, un team internazionale di astronomi ha usato la modellazione computazionale per determinare che, come il 90% delle altre stelle, il nostro sole è più propensi a ridursi da una gigante rossa, a diventare una nana bianca, e poi finire come una nebulosa. Planetario. "quando una stella muore, espelle una massa di gas e polvere — conosciuta come una busta — nello spazio. La busta può essere grande come la metà della massa della stella. Questo rivela il nucleo della stella, che a questo punto della vita della stella è a corto di carburante, eventualmente spegnendo, prima di morire finalmente ", ha spiegato l'astrofisico Albert Zijlstra dell'Università di Manchester nel Regno Unito, uno degli autori di Nuovo studio. "è solo allora che il nucleo caldo fa brillare la busta espulso per circa 10000 anni-un breve periodo di astronomia. Questo è ciò che rende visibile la nebulosa planetaria. Alcuni sono così luminosi che possono essere visti da distanze estremamente grandi, che misurano decine di milioni di anni luce, dove la stella stessa sarebbe stata troppo debole per vedere. Il modello di dati che il team ha creato prevede in realtà il ciclo di vita di diversi tipi di stelle, per scoprire la luminosità della nebulosa planetaria associata a diverse masse stellari. Le nebulose planetarie sono relativamente comuni in tutto l'universo osservabile, con quelle famose tra cui la nebulosa dell'elica, la nebulosa dell'occhio del gatto, la Nebulosa anulare e la nebulosa Bubble.

Nebulosa oculare cat (NASA/ESA)

Essi sono chiamati nebulose planetarie, non perché hanno davvero qualcosa a che fare con i pianeti, ma perché quando i primi sono stati scoperti da William Herschel alla fine del 18 ° secolo, erano simili in apparenza ai pianeti attraverso i telescopi di Tempo. Circa 25 anni fa, gli astronomi notarono qualcosa di peculiare: le più brillanti nebulose planetarie di altre galassie hanno approssimativamente lo stesso livello di luminosità. Questo significa che, teoricamente, almeno osservando le nebulose planetarie in altre galassie, gli astronomi possono calcolare fino a che punto sono. "questo è un buon risultato", ha detto Zijlstra. "non solo ora abbiamo un modo di misurare la presenza di eoni di età da pochi miliardi di anni in galassie lontane, che è una portata che è notevolmente difficile da misurare, come abbiamo anche scoprire ciò che il sole farà quando muore." Fonte)


Interessante e allo stesso tempo spaventoso. Sono contento che non saremo qui. N3m3
Caricamento…

Attenzione: i commenti qui sotto sono la sola ed esclusiva responsabilità dei propri autori e il sito UFO oggi non è responsabile per eventuali disagi causati da loro, ma si riserva anche il diritto ai loro moderatori di vietare qualsiasi utente Anche determinare. Utilizzando l'area di commento qui sotto, accetti questi termini. Così sia civilizzato commentando e segnalando gli abusi, contrassegnanti tali osservazioni come "inadeguato", accedendo alla piccola freccia ha indicato giù sul lato di destra di ogni commento. Grazie.

Você também deve apreciar: