Enigmas do Universo - Explorando os Enigmas do Universo
loading...

I segnali laser vengono rilevati nel centro nebulare

Nebulosa ant.

I nuovi dati mostrano che la nebulosa Ant irradia un'emissione laser intensa dal suo nucleo. I laser sono ben noti nella vita di tutti i giorni, dagli effetti visivi speciali ai concerti di musica anche nella sanità e nelle comunicazioni. Nello spazio, l'emissione del laser viene rilevata a lunghezze d'onda molto diverse e solo in determinate condizioni. Solo alcuni di questi laser a infrarossi sono noti. Un team internazionale di astronomi ha scoperto un'inusuale emissione laser che suggerisce la presenza di un sistema a doppia stella nascosto nel cuore della spettacolare nebulosa. Il fenomeno estremamente raro è legato alla morte di una stella ed è stato scoperto nelle osservazioni fatte dall'Osservatorio spaziale Herschel dell'Agenzia spaziale europea (ESA). Quando le stelle basso-medio-peso, come il nostro sole, si avvicinano alla fine della loro vita, finiscono per diventare stelle nane bianche e dense. Nel processo, espellere i loro strati esterni di gas e polvere nello spazio, creando un caleidoscopio di intricati modelli noti come una nebulosa planetaria. Il nostro sole dovrebbe formare una nebulosa planetaria un giorno.

Le recenti osservazioni di Herschel hanno mostrato che la drammatica scomparsa della stella centrale al centro della nebulosa Ant è ancora più teatrale di quella implicita nel suo aspetto colorato in immagini visibili – come quelle prese dal telescopio spaziale Hubble NASA/ESA. Per coincidenza, l'astronomo Donald Menzel, che per primo ha osservato e classificato questa nebulosa planetaria in particolare nel 1920 (è ufficialmente conosciuto come Menzel 3, in onore di lui) è stato anche uno dei primi a suggerire che in determinate condizioni il Amplificazione della luce naturale da emissione stimolata di radiazione ' (amplificazione della luce da emissione stimolata di radiazione)-da cui deriva l'acronimo ' laser '-potrebbe verificarsi in nebulose nello spazio. Questo è stato ben prima della scoperta del laser nei laboratori. Dottor. Isabel Aleman, l'autore principale di un articolo che descrive i nuovi risultati, ha detto:

Abbiamo rilevato un tipo di emissione molto raro, chiamato emissione laser di ricombinazione dell'idrogeno, che viene prodotto solo in una gamma ristretta di condizioni fisiche. Una tale questione è stata identificata solo in una manciata di oggetti prima ed è una felice coincidenza che abbiamo rilevato il tipo di emissione che Menzel ha suggerito in una delle nebulose planetarie che ha scoperto.

Questo tipo di emissione laser ha bisogno di gas molto denso vicino alla stella. Il confronto delle osservazioni con i modelli ha indicato che la densità del gas emesso dei laser è circa 10000 volte più densa del gas veduto nelle nebulose planetarie tipiche ed i lobi della nebulosa della formica in se. Di solito, la regione accanto alla stella morta – in questo caso, la distanza tra Saturno e il sole – è abbastanza vuota, perché il suo materiale viene espulso. Qualsiasi gas rimanente sarebbe presto ripiegare su di esso. Il co-autore, Prof Albert Zijlstra, del centro Jodrell Bank of astrofisica dell'Università di Manchester, ha aggiunto:

L'unico modo per mantenere un gas così denso vicino alla stella è se è in orbita intorno ad esso su un disco. In questa nebulosa, in realtà osserviamo un disco denso nel centro che si vede approssimativamente sul bordo. Questa guida aiuta ad amplificare il segnale laser. Il disco suggerisce che c'è un compagno binario, perché è difficile ottenere il gas espulso in orbita, a meno che una stella compagna lo devia nella giusta direzione. Il laser ci dà un modo unico di sondare il disco intorno alla stella che sta morendo sul fondo della nebulosa planetaria.

Gli astronomi non hanno ancora visto la seconda stella attesa, nascosta nel cuore di questa nebulosa… Fonte)


Você também deve apreciar: